Doga

Doga

Il fascino del legno di barrique si porta dietro tutta l’emozione del vino, delle distese di vitigni, dei colori della vendemmia, del profumo delle cantine dove si conserva il vino. Le botti di rovere sono state salvate, smembrate per recuperare ogni doga e usate come materia nuda per la costruzione di nuovi arredi. Il tavolo Doga sfrutta la curvatura delle botti sia per le quattro gambe, che risultano leggermente rientranti rispetto al piano, dandogli una buona forma raccolta, sia per il piano, realizzato dall’accostamento di più doghe ricurve. La doga è trattata alla stregua di un pixel materico, come un modulo che ripetuto, accostato per semplice incastro, supportato dalla struttura metallica,
apporta anche un valore materico all’oggetto: la bellezza del legno profumato dal vino. Sono stati i ragazzi della comunità di San Patrignano a realizzarlo nei loro laboratori di carpenteria.

san patrignano barrique doga

Designers

Michele De Lucchi
Michele De Lucchi

Altre Foto

san patrignano barrique doga
san patrignano barrique doga
san patrignano barrique doga
san patrignano barrique doga
san patrignano barrique doga